Chiodini(armillaria mellea)

 

E’ un  fungo molto comune, che in gioventù ha forma di
chiodo a testa semisferica, in seguito il cappello si allarga e
mantiene per molto tempo la forma conica, quasi sempre con una punta
centrale evidente .
Il chiodino é di colore roseo , con tonalità ocra e poi bruno.
E’ ricoperto di squamette nerastre o giallastre , che  scompaiono
con l’età.
Le lamelle di questo fungo, sono bianche , poi si macchiano di rosso.
Il gambo è alto da 10 a 15 cm., elastico, spesso ricurvo.
L’anello è biancastro con fiocchi gialli; la carne è bianca, acidula,
nel gambo fibrosa.
Cresce di solito sui ceppi e sui tronchi in cespi , più raramente
sul terreno isolato.
E’ un fungo autunnale, di sapore tenue, anche se gradevole, le
cui caratteristiche lo limitano ad essere trifolato,
cotto in umido col pomodoro.
I suoi estimatori lo usano nell’una e nell’altra versione, per fare risotti,
condire la pasta o per accompagnare la polenta, lo si può conservare
anche sott ‘olio.
Ricordo che è preferibile scottare i chiodini in acqua bollente prima
di qualsiasi preparazione per eliminare un’eccessiva viscosità
tipica di questo fungo.

 

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close