Salvia

E’ una pianta aromatica molto diffusa anche allo stato selvatico
in tutta l’area mediterranea e nelle regioni temperate, in particolare
lungo le coste marine.
La salvia coltivata è un piccolo arbusto sempreverde, con foglie spesse,
oblunghe, di colore verde argentato; hanno superficie rugosa e rivestita da una fitta
peluria biancastra sottile, che le rende vellutata al tatto.
Contengono particolari sostanze oleose, che conferiscono un’aroma intenso  e
fragrante , molto particolare; la raccolta può avvenire durante tutto l’anno, ma
il profumo più intenso si manifesta all’inizio dell’estate.
Le foglie si possono consumare sia fresche che essiccate.
In cucina: la salvia , detta anche “erba salvia”, è una delle piante aromatiche più
impiegate , nella cucina italiana  i suoi impieghi sono molteplici:  per lo più
è associata a carni bianche , in preparazioni rapide, a salse, zuppe e minestre.
Un particolare tipo di salvia fa parte delle erbe per aromatizzare il vermut.
Normalmente la salvia a foglia piccola è quella più aromatica, ma quella
a foglia larga è maggiormente impiegata perché più pratica.
La salvia ha azione antisettica, antisudorifera, diuretica e ipoglicemizzante.

 

 

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

 

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close