Tag-Archive for » fiori «

Fiori di zucchine

(Fiore di zucchina femmina)

Si chiama così, impropriamente ,
il fiore della zucchina , uno dei pochissimi , insieme a quello del carciofo,
ad essere consumato intero.
I fiori  di zucca  e di zucchina hanno gli organi di riproduzione separati,
per cui esistono fiori fiori maschili e femminili.
La differenza sta nel fatto che i fiori maschili sono portati da un lungo peduncolo,
mentre quelli femminili sono posti al vertice del frutto che va ingrossandosi .
La raccolta avviene in giugno e luglio ; é preferibile che si svolga nelle prime ore del mattino,
quando i fiori si presentano ben aperti e turgidi .
Il peduncolo e la porzione interna al fiore , avendo un sapore poco gradevole,
vengono eliminati prima di essere cucinati.
Il fiore di zucca che va consumato freschissimo, si mangia soprattutto fritto
, ma anche in altre svariate preparazioni.
La freschezza si giudica dall’integrità della forma:
il fiore deve essere gonfio, con i margini ben distesi, senza arricciature, e il
calice appena aperto.
L’aroma è tenue ma persistente.

( fiore di zucchina maschio)

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

Primula(Primula officinalis Jacq.)

Piantina spontanea o coltivata, con piccolo rizoma e numerose radici.
Le foglie sono radicali e disposte a rosa, ovate, rugose a margine ondulato.
I fiori sono gialli su alto scapo.
Abbastanza usuale nei boschi, dalla collina alla montagna.
Fiorisce in primavera.
Si raccolgono le foglioline piu’ tenenre ed i fiori non sbocciati.
Si consuma in insalata , oppure in minestre.

 

Ringrazio Roberto Chiej Gamacchio
Piante selvatiche

Piantaggine ( Plantago lanceolata l.)

Presenta tannino, mucillagine, un glucoside, acidi, sali di potassio e di magnesio, saponine.
E’ molto conosciuta ed usata in medicina popolare che se ne serve per la sua azione astringente , vulneraria, risolvente, oftalmica.
E’ molto efficace in alcune malattie dei bambini.

 

Ringrazio Roberto Chiej Gamacchio
Piante selvatiche

Crescione ( Nasturtium officinale R. Br.)

Contiene iodio, ferro, ossalato di potassio, vitamine , fosfati.
Cio’ la rende molto importante nella fitoterapia, che la usa come ipoglicemizzante, remineralizzante,  espettorante.

 

Ringrazio Roberto Chiej Gamacchio
Piante selvatiche

Cresione ( Nasturtium officinale R. Br.)

Erbacea acquatica succosa e lucida.
Le foglie carnosette sono alterne, i fiori raccolti in grappolisommitali , piccoli, bianchi.
Predilige le acque a lieve scorrimento, i fossati.
Si usa la piantina da primavera ai primi freddi, raccogliendola prima della fioritura.
Viene solitamente servita cruda, il gusto leggermente piccante, è piacevole.
Ottima per salse, dona freschezza alle misticanze.

 

Ringrazio Roberto Chiej Gamacchio
Piante selvatiche

Centonchio(Stellaria media Vill.)

E’ un ‘erba annua, alta pochi centimetri, con numerosi fusti ascendenti e striscianti.
Le foglie sono opposte, i fiori sono numerosi e pentapetali.
Il frutto è una cassula conteneti piccoli semi.
Piantina comunissima, che si raccoglie preferibilmente in primavera.
E’ poco conosciuta come piantina commestibile, si puo’ lessare oppure usare in minestre.

 

Ringrazio Roberto Chiej Gamacchio
Piante selvatiche
Category: Prodotti  Tags: , , ,  Leave a Comment

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close