Tag-Archive for » profumata «

Papaia

IMG_1456

 

La papaia è un frutto tropicale assai diffuso, originario della
Malesia, ma oggi coltivato anche in Africa e in America .
e? una bacca globosa o piriforme, che può raggiungere dimensioni
ragguardevoli.
La buccia è comunemente liscia e sottile, giallastra quando è matura;
la polpa diventa arancione e fondente .
Nella cavità centrale si trovano moltissimi semi neri ricoperti da mucillagine.
Oggi si conoscono centinaia di varietà selezionate in vari Paesi, tra cui
la famosa “Solo”, genitrice di numerose altre varietà.
La papaia è costituita per lo più di acqua ed è per tanto più dissetante che
nutriente , e ha sapore fresco, leggermente aromatico e gradevole; non
sopporta base temperature di conservazione.
Nei Paesi d’origine è consumata anche acerba , come verdura.
Un enzima che essa contiene , la papaina, facilita la digestione delle proteine;
per questo viene utilizzata anche industrialmente come agente per
l’intenerimento delle carni.
Oltre che per il consumo diretto come frutta fresca , la papaia è utilizzata
per la preparazione di confetture e di succhi; si vende anche  candita.
La papaia è ricca di vitamine A e C, acqua, è consigliata nelle difficoltà digestive,
come antisettico, nelle diete ipocaloriche.

IMG_1459

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

Category: Prodotti  Tags: , , , , , ,  Comments off

Salvia

E’ una pianta aromatica molto diffusa anche allo stato selvatico
in tutta l’area mediterranea e nelle regioni temperate, in particolare
lungo le coste marine.
La salvia coltivata è un piccolo arbusto sempreverde, con foglie spesse,
oblunghe, di colore verde argentato; hanno superficie rugosa e rivestita da una fitta
peluria biancastra sottile, che le rende vellutata al tatto.
Contengono particolari sostanze oleose, che conferiscono un’aroma intenso  e
fragrante , molto particolare; la raccolta può avvenire durante tutto l’anno, ma
il profumo più intenso si manifesta all’inizio dell’estate.
Le foglie si possono consumare sia fresche che essiccate.
In cucina: la salvia , detta anche “erba salvia”, è una delle piante aromatiche più
impiegate , nella cucina italiana  i suoi impieghi sono molteplici:  per lo più
è associata a carni bianche , in preparazioni rapide, a salse, zuppe e minestre.
Un particolare tipo di salvia fa parte delle erbe per aromatizzare il vermut.
Normalmente la salvia a foglia piccola è quella più aromatica, ma quella
a foglia larga è maggiormente impiegata perché più pratica.
La salvia ha azione antisettica, antisudorifera, diuretica e ipoglicemizzante.

 

 

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

 

 

Albicocche

Frutto oggi molto diffuso,originario dalla Cina,
dove era già coltivato nel 2000 a.C.
Di li si diffuse in Persia e in Armenia e da questa regione,
dopo la conquista di Alessandro Magno,
arrivò sulle rive del mediterraneo:
il suo nome latino era, infatti, Prunus Armeniaca.
Nel tardo latino venne anche chiamato praecoquus (frutto precoce),
nome di cui c’è traccia tuttora nel dialetto campano,
che chiama le albicocche “percoche”.
La parola “albicocca”  viene dalla versione
araba di praecoquus, cioè al-barqùq,
e cioè indicherebbe un rilancio dell’albicocco
in Europa da parte degli Arabi
dopo un periodo di oblio durante il Medioevo,
epoca in cui il frutto era considerato tossico.
L’albicocco conobbe poi, a partire dal XV secolo,
una fortuna crescente
e oggi è coltivato dovunque vi sia un clima abbastanza caldo.
Il frutto, di forma ovoidale è di colore variante dal giallo all’ arancione,
è interessante dal punto di vista nutrizionale ,
perchè ricco di vitamina A e C e di sali minerali.
L’alto contenuto zuccherino , in contrasto con il sapore acidulo,
ne rende inconfondibile il gusto.
Le prime albicocche giungono sui mercati
agli inizi di giugno e l’altalenarsi delle varietà
consente una disponibilità al consumo fino
alla seconda metà di agosto.
L’albicocca si può trovare fresca, come frutto di stagione ,
ma anche conservata in vari modi
ad esempio , sotto forma di succhi, essiccate, sciroppate.

 

Ringrazio: Reader’s Digest s.p.a

Grande enciclopedia illustrata della gastronomia

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close