Tarassaco (Leontodon taraxacum L.)

Piantina molto nota , con radice fittonosa, lunga e carnosa.
Scapo fioraleapicale giallo e fiori ligulati.
Le foglie sono disposte a rosa, oblungovate, con nervatura mediana.
Fiorisce da febbraio ad ottobre.
Si trova in tutti i prati incolti, fra le vigne, lungo i sentieri.
Si raccoglie la pianta intera sia prima che dopo la fioritura, possibilmente con la radice.
E’ sicuramente il simbolo delle piante selvatiche commestibili; certo la piu’ apprezzata e conosciuta per gusto e rendimento.
Le foglie piu’ tenere possono essere mangiate in insalata, da sole o assieme ad altre, alle quali conferisce un leggero gusto amaricante.
Possono essere mangiate bollite, poi stufate in padella con olio, aglio e sale.
Si  usano nelle minestre e nelle frittate.
I boccioli dei fiori non dischiusi, possono essere conservati in salamoia o sotto aceto per usarli a mo’ di capperi.
Parte molto buona, e poco conosciuta é la radice che lessata e condita con olio d’oliva, offre un piatto delizioso, amaro , gradevole, nutriente.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close